Meraviglioso viaggio nella pittura contemporanea con Reggiani

207

GamReggianiDa Basquiat a Kher, da Hirst a Sugimoto: è un vero e proprio viaggio nella pittura contemporanea quello proposto dalla mostra “Don’t Shoot the Painter. Dipinti dalla UBS Art Collection” e sarà Reggiani Illuminazione a dar luce a questa esplorazione nell’arte.
Lighting Sponsor dell’esposizione allestita alla GAM (Galleria d’Arte Moderna) di Milano fino al 4 ottobre, Reggiani ha infatti creato un progetto ad hoc per valorizzare le oltre cento opere della UBS Art Collection, una delle più importanti collezioni corporate al mondo.

Il progetto punta ad esaltare i singoli dipinti e l’allestimento speciale voluto dal curatore Francesco Bonomi per riflettere l’eredità storica del museo, accentuando i rimandi tra la sede stessa della mostra, le opere e il rapporto tra “contenitore” e “contenuto”, che si arricchisce di un nuovo livello con questa collezione visibile al pubblico grazie alla partnership triennale tra GAM e UBS.
Reggiani Illuminazione, quindi, aiuta a guidare il visitatore nel percorso espositivo dando l’opportunità di ammirare i dipinti in tutti i propri dettagli. Per il progetto sono stati scelti proiettori a LED Yori caratterizzati da un’efficace resa cromatica e dalla lunga durata della sorgente luminosa, nonché dalla possibilità di orientare il fascio luminoso esaltando le caratteristiche compositive e le cromie delle opere.

DontShootThePainter_0756_Mod
Il progetto di illuminazione è volutamente minimal, per mantenere un’armonia visiva con l’allestimento e non creare sovrapposizioni nello scambio semantico tra i dipinti. La presenza discreta dei corpi illuminanti è garantita dal colore neutro, in una nuance appositamente realizzata, e dall’inserimento in binari mascherati da canaline parallele che nascondono alla vista la struttura della fonte luminosa. Quello tra Reggiani Illuminazione e il mondo dell’arte è un legame ormai profondo che l’azienda ha maturato negli anni illuminando, tra gli altri, i capolavori di Modigliani, Picasso, Caravaggio, Medardo Rosso. Un legame che ha recentemente portato la società ad entrare nel gruppo Intrapresæ Collezione Guggenheim, un insieme di aziende che dal 1992 sostiene con impegno e passione la programmazione espositiva e le attività della Collezione Peggy Guggenheim.

Yori è un piccolo proiettore dalle elevate prestazioni. Due semplici ed armoniosi volumi uniti da un sottile snodo che consente di indirizzare il puntuale fascio luminoso e creare emozionanti scenografie. Realizzato in alluminio pressofuso, Yori è progettato per ospitare le più innovative sorgenti luminose (RE LED Luce e alogenuri metallici) che unitamente alla tecnologia IOS (Interchangeable Optical System) offrono elevata efficienza, innumerevoli ampiezze del fascio di luce permettendo di illuminare in modo efficace, con precisione e risparmiando energia.
L’apparecchio è predisposto per l’applicazione su binario o all’interno di canaline, dove un particolare connettore meccanico/elettrico consente con un solo punto luce di alimentare fino a dieci apparecchi. Si presta ad essere applicato in vetrine, gallerie d’arte e in generale in tutti i progetti dove la luce d’accento rende protagonista l’opera esposta. Di ultima realizzazione, Yori con braccio estensibile nato per l’illuminazione di gole/velette create nella soffittatura e nei cornicioni e due nuove versioni da superficie e semi incasso che offriranno con la loro semplicità il massimo del design e del comfort visivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here