Uso abusivo e violazione dell’accesso a reti internet

Nel nostro ordinamento è presente un reato chiamato «accesso abusivo a sistema informatico».

Tale reato si concretizza ogni qual volta un soggetto, senza averne l’autorizzazione, entra abusivamente in un programma, un account email, un social network o in un qualunque database.

Ovviamente, se l’illecito è compiuto tramite la connessione di casa o dell’ufficio, si può essere facilmente rintracciati dalla polizia. Tale facilità di rintraccio è dovuta al fatto che ogni rete internet, sia che essa sfrutti il tradizionale cavo e sia che si avvalga della rete Wi-Fi, viene identificata tramite un indirizzo: il cosiddetto indirizzo IP.

L’indirizzo IP (Internet Protocol) è una sorta di codice di riconoscimento che viene assegnato ad ogni connessione internet, ivi compresa quella Wi-Fi.

A tal riguardo è intervenuta con una recente sentenza la Corte di Cassazione, affermando che l’indirizzo IP è sufficiente, da solo, a reperire il responsabile dell’accesso abusivo al sistema informatico. In sostanza, tale indirizzo è costituito da un codice numerico che identifica univocamente un dispositivo collegato a una rete informatica che utilizza l’Internet Protocol come protocollo di rete.

Tale indirizzo, prosegue la Corte, «viene assegnato a una interfaccia (ad esempio una scheda di rete) che identifica l’host di rete, che può essere costituito da un personal computer, un palmare, uno smartphone, un router o altro dispositivo».

Di conseguenza, sarà semplice, una volta risaliti al dispositivo da cui è partito l’abuso, identificare l’utilizzatore o gli utilizzatori dello stesso e procedere al rintraccio di colui che ha compiuto tale reato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.