Videosorveglianza in condominio: quando le riprese sono utilizzabili?

Nel caso in esame la Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 21027 del 2020, è tornata a esprimersi sul controverso tema delle videoregistrazioni effettuate da privati e la sua utilizzabilità in un eventuale giudizio penale.

Nella fattispecie concreta Tizio ricorreva in Cassazione eccependo in primo luogo l’inutilizzabilità delle riprese video effettuate in quanto svolte in dimora privata. Infatti, la telecamera installata riprendeva costantemente parte del lastrico solare e del giardino di sua pertinenza esclusiva, motivo per il quale le riprese sarebbero state effettuate in violazione dell’art 14 della Costituzione (inviolabilità del domicilio) e dell’art 615–bis. Codice penale.

La Corte di Cassazione rigettava tale eccezione. Riteneva infatti che tali riprese, seppur eseguite da telecamere installate da privati, per mere esigenze di sicurezza, riprendevano al contrario parti comuni dell’edificio condominiale. Di conseguenza, alcuna violazione è stata riscontrata dalla Corte di Cassazione, la quale ha ritenute utilizzabili nel giudizio penale le riprese video effettuate. In linea generale si può pertanto ritenere utilizzabili in un giudizio penale le riprese effettuate dalle telecamere condominiali purché si limitino alle parti comuni e non violino la proprietà privata dei soggetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.