Superbonus, Anima Confindustria plaude alle modifiche al DL Rilancio

Anima Confindustria ha recentemente espresso apprezzamento per il dialogo aperto con le istituzioni grazie all’estensione del nuovo Superbonus alle seconde case, alle villette a schiera e gli ulteriori chiarimenti in merito alla cessione del credito: dichiarando che la nuova misura del Decreto Rilancio è coerente con gli obiettivi di sostenibilità ambientale.

Le nuove misure contenute nella conversione del DL Rilancio modificano i meccanismi di agevolazioni, incentivi e misure fiscali in materia di efficientamento energetico.

Anima esprime apprezzamento anche per la fattiva collaborazione, e per la discussione aperta e franca con le istituzioni, avvenuta nella fase di conversione in legge, che hanno portato a una misura coerente con gli obiettivi di sostenibilità ambientale.

Il nuovo Ecobonus si estende così a molte delle tecnologie rappresentate dalla Federazione che, con in prima linea le proprie associazioni ha fortemente auspicato l’adozione di una misura shock per tutto il complesso comparto dell’impiantistica legata all’edilizia, che alimenta una filiera di centinaia di migliaia di lavoratori ed è da sempre votata a offrire soluzioni ad alta efficienza energetica e green.

Molto importanti, inoltre, i chiarimenti sulla possibilità di fruire della cessione del credito per ogni stato avanzamento lavori e l’eliminazione del requisito sul doppio salto di classe per edifici sottoposti a particolari vincoli.

Rimane il rammarico – prosegue Anima – di non essere riusciti ad ampliare ulteriormente la platea dei beneficiari, ad esempio estendendo il Superbonus agli appartamenti nei condomini e a ulteriori soggetti diversi dalle persone fisiche, ma siamo consapevoli dei limiti sulle coperture economiche e confidenti che questa misura possa costituire un volano di crescita per il nostro Paese, con l’auspicio che duri nel tempo e che magari possa essere ulteriormente rafforzata in un secondo momento. Infatti, non possiamo non menzionare le potenzialità in ambito di edilizia non residenziale e industriale. Proprio con questo approccio pragmatico auspichiamo anche che i provvedimenti attuativi vengano pubblicati al più presto così da non generare incertezze oltre alle comprensibili aspettative del mercato.

Anima Confindustria ha partecipato attivamente sia prima sia durante la fase di conversione evidenziando le proposte e le necessità dei comparti rappresentati ai rappresentanti del Governo e del Parlamento. In questo contesto ha dato il proprio contributo per arrivare a una misura in grado perseguire gli obiettivi di miglioramento dell’efficienza, riduzione dei consumi, diminuzione dell’impatto ambientale, convinta dell’efficacia di strumenti di incentivi e misure fiscali come il nuovo Ecobonus, come volano per rilanciare il settore dell’edilizia e dell’industria legata all’efficienza energetica. Allo stesso modo, la speranza è di restare un punto di riferimento già nel futuro immediato per quanto riguarda la fase attuativa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.