“Spalma-incentivi” fotovoltaico e rimessione alla Corte di giustizia

Ancora una volta, la Corte Ue è stata interpellata sulla questione “Spalma-incentivi”, ovvero sulla rimodulazione degli incentivi per gli impianti fotovoltaici superiori ai 200 kW.
In sostanza il dubbio sorto riguarda la legittimità di una legge interna nazionale che riduca o ritardi la corresponsione degli incentivi ammessi ex lege e se ciò non crei una violazione dei principi dell’Ue e una lesione del principio di affidamento.
Il rinvio alla Corte di Giustizia è stato recentemente portato a termine dal Tar Lazio nel mese di febbraio 2020 e ad oggi si è in attesa dello svolgimento del procedimento e dalla decisione della Corte Ue.
Con l’ordinanza n.1659/2020 pubblicata il 7 febbraio, il Tar Lazio ha dunque in specifico sottoposto alla Corte di giustizia il seguente quesito:
“Se il diritto dell’Unione europea osti all’applicazione di una disposizione nazionale, come quella di cui all’art. 26, commi 2 e 3, del d.l. n. 91/2014, come convertito dalla legge 116/2014, che riduce ovvero ritarda in modo significativo la corresponsione degli incentivi già concessi per legge e definiti in base ad apposite convenzioni sottoscritte dai produttori di energia elettrica da conversione fotovoltaica con il Gestore dei servizi energetici s.p.a., società pubblica a tal funzione preposta;
in particolare, se tale disposizione nazionale sia compatibile con i principi generali del diritto dell’Unione europea di legittimo affidamento, di certezza del diritto, di leale collaborazione ed effetto utile; con gli artt. 16 e 17 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea; con la direttiva n. 2009/28/CE e con la disciplina dei regimi di sostegno ivi prevista; con l’art. 216, par. 2, TfUE, in particolare in rapporto al Trattato sulla Carta europea dell’energia”.
Al momento dunque siamo in attesa della pronuncia della Corte che presumibilmente, con la propria interpretazione e decisione, scioglierà definitivamente il nodo in punto di rimodulazione degli incentivi e decreterà una volta per tutte la legittimità o meno della normativa interna rispetto ai principi della normativa europea.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.