Soluzione abitativa al servizio degli anziani

PANNELLO realizzato con dispositivi certificati KNX a rappresentazione di una vera abitazione.
Grazie a un progetto scolastico del liceo Fermi di Padova, un gruppo di studenti, con il supporto e la supervisione degli esperti di Life3 Srl, è stato in grado di ideare una soluzione che consente a un anziano – che vive da solo – di poter gestire le proprie attività domestiche in autonomia.

L’approfondimento delle tecnologie KNX ha trovato spazio all’interno del progetto scolastico Cogito del Liceo Fermi di Padova, nel quale sono stati coinvolti sei ragazzi. Lo studio, con valenza di attività di alternanza scuola-lavoro, ha dato l’opportunità agli studenti e ad altri compagni di seguire un corso di qualifica Smartpro di 16 ore e di sostenere e superare il relativo esame di certificazione. La sua finalità? Progettare una soluzione abitativa tecnologica, applicabile anche a casi concreti, adeguata alle esigenze di un anziano, per migliorarne lo stile di vita e il comfort quotidiano. Da questo obiettivo ha preso il nome il progetto stesso, “Una casa per nonna Licia”.

Per prima cosa i ragazzi hanno intervistato un gruppo di pensionati del Centro anziani Opera Immacolata Concezione di Padova, raccogliendone esigenze e aspettative, e le necessità riscontrate sono state diverse: gestire le normali funzioni dell’edificio (illuminazione, termoregolazione, tapparelle) in modo semplice e senza fatica; disporre di un sistema di gestione degli allarmi in grado di avvisare in automatico i propri familiari in caso di pericolo (es. fuga gas, allagamento, finestra/porta aperta); poter muovere più dispositivi all’interno della casa in modo automatizzato; raccogliere informazioni dalla rete internet attraverso un motore di ricerca; coltivare i propri hobby, come il giardinaggio.

GLI STUDENTI impegnati nel progetto accompagnati dalla docente Carla Gobbo e dall’Ing. Alice Boldrin di Life3: Andrei Alexandru Ardelean, Wafae Bousalhi, Marco Paradina, Bartolomeo Morellato, Riccardo Vendramin e Federica Spinelli.
UN SISTEMA EFFICIENTE E AFFIDABILE

In un secondo momento i ragazzi hanno raccolto i materiali e ne hanno compreso il funzionamento; dalla valutazione delle esigenze degli intervistati, e usufruendo della consulenza e dell’affiancamento dell’azienda veronese con forte componente di ricerca  Life3 Srl, hanno infine dato vita a una soluzione pratica in grado di rispondere a tutte le esigenze tipiche dei pensionati, realizzata su un pannellino didattico – rappresentante un monolocale – propedeutico alla programmazione delle diverse funzioni con protocollo Konnex.

La scelta del protocollo KNX, l’unico standard mondiale aperto per la building automation conforme alle principali normative europee e internazionali, ha permesso di realizzare un sistema affidabile ed efficiente per la gestione dell’edificio, contraddistinto da garanzia di continuità e semplicità di utilizzo; ad esso è stato abbinato il software di supervisione CubeSuite di Life3.

SUPERVISIONE CubeSuite per il monitoraggio e la gestione degli impianti.
LUCI, CLIMA, ALLARMI, MA NON SOLO

In questa ipotetica “futura casa” è così stata introdotta la gestione di illuminazione, climatizzazione, automazioni e altre funzioni automatiche per la sicurezza; dal sistema Cube Suite sono poi stati creati comodi scenari e operazioni pianificate, regolando gli impianti sulle esigenze dell’utente tipo, per aumentarne la qualità di vita. Il sistema è monitorabile anche da remoto con smartphone e tablet, per dare la possibilità ai familiari di supportare l’anziano in caso di bisogno, e si è pensato anche all’introduzione di un robot domestico, per il trasporto degli oggetti di prima necessità, quali medicine, telefono, telecomandi e occhiali. Il progetto ha previsto, infine, la realizzazione di un angolo verde all’interno dell’abitazione, per la coltivazione di piccole piantine: il sistema di irrigazione automatico progettato consente all’inquilino di mantenere e curare le proprie essenze vegetali senza un eccessivo impegno. Il progetto, nel quale gli studenti hanno profuso grande impegno e dedizione, non si è concluso qui e, per semplificare e migliorare ulteriormente lo stile di vita di un anziano, prevede di lanciare un’altra sfida ai ragazzi, ovvero integrare la gestione del sistema di automazione dell’edificio tramite comandi vocali.

Il lay-out del pannello mobile KNX progettato e realizzato sulle reali esigenze di un anziano.
KNX: IMPIANTI SENZA LIMITI DI FUNZIONI
STEFANO MORETTO, progettista e system integrator dii Life3 Srl.

«Il principale plus di tutte le tecnologie applicate nel progetto è l’elevata integrazione offerta dalla tecnologia KNX e la possibilità di supervisionare da remoto l’impianto, oltre alla capacità di raccogliere dati ambientali rilevati da sensori e strumenti di misura in campo. La tecnologia KNX consente di realizzare impianti senza limiti di funzioni e l’ampia gamma di prodotti messi a disposizione da diversi brand risponde adeguatamente a tutte le esigenze. L’utilizzo di questa tecnologia, inoltre, ci permette di ridurre i costi operativi: collegare fra loro tutti i dispositivi con un unico bus ha diminuito considerevolmente il tempo di cablaggio e installazione del sistema. In qualsiasi momento è possibile visualizzare e regolare tutti i parametri dell’abitazione (illuminazione, termoregolazione, ecc.), sia in locale, tramite pulsanti, telecomandi, rilevatori di presenza e termostati, sia da remoto, tramite il collegamento all’impianto effettuato con la supervisione CubeSuite. In questo modo anche i familiari sono in grado di monitorare e coadiuvare l’anziano nell’impostare i parametri più delicati, come ad esempio la regolazione delle temperature in base all’orario del giorno, come se avessimo a disposizione un vero e proprio cronotermostato. La possibilità di realizzare scenari personalizzati, inoltre, aiuta l’anziano a gestire in modo semplice, sulla base dei propri ritmi giornalieri, le varie fasi della giornata. Con l’avvio dello scenario “notte”, ad esempio, tramite la pressione di un pulsante le luci si spengono, si attivano solo le luci di cortesia, il setpoint di temperatura si imposta a 18 °C, si chiudono le tapparelle e si inserisce l’impianto antintrusione. Il nostro personale tecnico è in grado di fornire assistenza all’installatore sia nella fase progettuale che nella fase di realizzazione dell’impianto grazie a un team di programmatori certificati KNX, per la messa in funzione degli impianti mediante software ETS».

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.