Sicurezza e cura dei particolari: ecco le novità ATEX di Giovenzana

Dagli impianti industriali ai laboratori artigianali, i prodotti certificati per operare in ambienti potenzialmente esplosivi trovano molteplici applicazioni. Giovenzana International amplia la sua offerta nel settore con delle speciali pulsantiere di comando in cassetta e una linea di finecorsa che supportano dieci diverse tipologie di attuatore.

Sono già disponibili sul mercato i Finecorsa Serie FCT-Ex, disponibili in 10 diverse tipologie di operatori per soddisfare un ampio range di esigenze applicative. È invece previsto in maggio il lancio delle Junction Boxes e delle Control Stations “Ex e”, cassette di derivazione e pulsantiere di comando con custodie certificate in acciaio inox, poliestere termoindurente e lega di alluminio, adatte per le zone ATEX 1-2 (gas) e 21-22 (polveri): soluzioni che soddisfano esigenze applicative specifiche, ad esempio in ambito navale, e si caratterizzano per la cura dei particolari. Sarà possibile toccarle con mano in occasione della fiera OMC, in programma a Ravenna dal 28 al 30 settembre 2021. Giuseppe Sito, Italian Country Sales Manager e Alfredo Acquati, ATEX & IECEx Product Manager di Giovenzana International ci raccontano le novità ATEX.

Le pulsantiere possono essere considerate “iconiche” dell’offerta Giovenzana. L’ATEX segna dunque l’inizio di una nuova fase?

«Questa tipologia di prodotto rappresenta il core business di Giovenzana. Averle introdotte nella gamma ATEX completa un percorso cominciato nel 2015 anni fa e arricchisce ulteriormente un’offerta che include già sezionatori in cassetta metallica e alluminio, festoni, microswitch e i nuovi finecorsa; per questi ultimi si è appena concluso l’iter di certificazione ATEX per l’Europa, IECEx per il mercato globale e UL Hazloc per Nord America e Canada. Un altro fattore determinante è stata la crescente domanda che rileviamo nel lift, e soprattutto in ambito navale, di pulsantiere d’ispezione certificate ATEX, montate in custodie in acciaio inox, destinate agli ascensori di navi da crociera e traghetti. Il segmento principale per le nostre soluzioni ATEX resta a tutt’oggi quello dei sezionatori in cassetta, che trovano largo impiego in qualsiasi ambiente soggetto in cui si rilevi la presenza di polveri combustibili».

Finecorsa Serie FCT-Ex
I nuovi finecorsa pre-cablati di Giovenzana permettono di avere 10 diverse tipologie di attuatore per ogni tipo di esigenza o applicazione. Si installano su macchinari che operano in aree Atex e sono certificati ATEX, IECEx e UL Hazloc, coprendo l’intero mercato globale. Sono costituiti da un involucro realizzato con un particolare polimero antistatico, resistente ai raggi UV, che ne permette la certificazione per zona 2 Gas e zona 21-22 Polvere. Sono disponibili in diverse versioni, con uscita cavo verticale oppure orizzontale e con i contatti interni, sia a scatto lento, che a scatto rapido.
LA GAMMA di Finecorsa Serie FCT-Ex.
Giuseppe Sito, Italian Country Sales Manager di Giovenzana International

«Riscontriamo una domanda crescente di soluzioni che garantiscano la sicurezza negli impianti. Per questo, non solo riteniamo che i prodotti ATEX possano entrare sempre di più nell’ambito civile, ma siamo anche confidenti del fatto che la cultura della sicurezza possa diffondersi sempre di più anche in questo settore, oltre che in quello industriale».

Ci sono altri campi d’applicazione particolarmente interessanti?

«Spesso si pensa che i componenti ATEX siano adatti soltanto ai grandi impianti industriali. In realtà, sono necessari anche in contesti molto più vicini alla nostra quotidianità: basti pensare alle piccole industrie, ai laboratori artigianali, agli impianti per lo stoccaggio dei cereali o alle centrali a biomasse, contesti nei quali la circolazione di gas altamente infiammabili rende obbligatoria la presenza di dispositivi ATEX. Una delle ultime richieste di sezionatori certificati ATEX ci è giunta da un’impresa incaricata di realizzare l’impianto di condizionamento di un centro commerciale».

È possibile installare liberamente dispositivi ATEX in contesti non industriali, ad esempio in un grande centro commerciale?

«Allo stato attuale non c’è una norma specifica che ne prescriva l’utilizzo in ambito civile, ma la risposta è affermativa, perché questi prodotti soddisfano tutti i requisiti posti dalle normative, con in più le garanzie derivanti dalla certificazione ATEX».

Quindi non è da escludere una normativa ATEX specifica per il civile, magari secondo criteri ad hoc?

«La direttiva 2014/34/EU è soggetta a revisioni periodiche che noi monitoriamo, nell’ottica di adeguare le certificazioni dei prodotti a eventuali, nuovi parametri previsti dalla legge. Riteniamo che i prossimi aggiornamenti della normativa possano prevedere anche disposizioni specifiche per l’impiego di prodotti ATEX nel settore civile, tenendo conto della tipologia d’impianto o delle condizioni d’esercizio».

Alfredo Acquati, ATEX & IECEx Product Manager – Giovenzana International

«Il trend di mercato e le attività dei nostri competitor confermano che l’ATEX è in forte crescita. Ma al di là di questi fattori oggettivi, il motivo principale di questo allargamento di gamma è l’intenzione di completare il nostro percorso nel settore attraverso l’introduzione delle pulsantiere, che rappresentano il core business di Giovenzana»

 

Quali opportunità nascono per il grossista di materiale elettrico?

«La maggior parte degli acquirenti di dispositivi ATEX non sono i costruttori di macchine, bensì gli impiantisti, ossia i primi clienti dei distributori di materiale elettrico. A maggior ragione, se consideriamo il progressivo spostamento di questi prodotti verso il civile, questo settore offre delle prospettive di crescita davvero interessanti per i grossisti e i distributori nostri partner».

CONTROL STATION in acciaio inox AISI 316L.
Junction Boxes e Control Stations “Ex e”
Sono in via di sviluppo cassette di derivazione o pulsantiere di comando per luoghi in presenza di atmosfere potenzialmente esplosive. Il progetto prevede 3 diversi tipi di custodie certificate, disponibili in molte e diverse dimensioni: Una tipologia è in Acciaio Inox AISI 316L con guarnizioni siliconiche. Un’altra è in GRP, Poliestere Termoindurente rinforzato con vetro e grafite, che conferiscono al materiale il tipico aspetto nero, le proprietà meccaniche, termiche, ma soprattutto le proprietà antistatiche necessarie. Una terza versione è in lega di alluminio, ottenuta da pressofusione. Il prodotto è completato dall’assemblaggio di operatori e morsetti certificati. Qui vengono installati operatori e contatti certificati Atex e iECX, idonei per le zone Atex. Questi prodotti, al termine degli obbligatori e rigidi test, otterranno i certificati ATEX e IECEx, risultando idonei per zone Gas 1-2 e le zone Polvere 21-22.
JUNCTION BOXES in GPR.

GUARDA IL VIDEO

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.