Un tuffo nel passato per il luxury hotel

Double Tree by Hilton – © 2019 Roberto Pastrovicchio

L’integrazione dei sistemi di gestione dell’edificio e delle attività rivolte agli ospiti con gli impianti elettrici è uno dei punti di forza di un hotel 4 stelle, risultato dell’attento restauro e riqualificazione di uno storico palazzo triestino.

Situata nel centro storico di Trieste, l’ex sede storica della RAS è stata recentemente trasformata in un lussuoso e accogliente albergo, affiliato alla prestigiosa catena statunitense DoubleTree by Hilton. La rifunzionalizzazione dell’edificio ha interessato sia la conservazione delle aree di pregio storico-architettonico, caratterizzate da un raffinato stile d’epoca, sia l’inserimento di elementi dal design contemporaneo, in grado di valorizzare la nuova attività ricettiva.

Il progetto degli impianti elettrici

Curato da Studio M Progetti per conto di Laboratorio di Impianti, il progetto degli impianti elettrici e speciali ha interessato l’intero edificio di 7 piani fuori terra più l’interrato, servito da 5 impianti elevatori (2 ascensori panoramici più 1elevatore di servizio, montacarichi e servoscala) e articolato in:

  • aree comuni e di socializzazione (lounge, bar, sale riunioni, ristorante con sala colazione, ai piani inferiori; area fitness e SPA, all’ultimo piano);
  • complessivamente 125 fra suites e camere, tutte dotate di proprio servizio igienico, situate ai piani superiori;
  • locali di supporto e servizio (reception, uffici di gestione, cucina, magazzini, ecc.) e tecnici.
progetto degli impianti elettrici
Gli spazi di nuova realizzazione si distinguono per il design contemporaneo e per l’attenta selezione dei corpi illuminanti, a cura dello studio di architettura Caberlon Caroppi. ©2019 Roberto Pastrovicchio

Gli impianti in sintesi

Gli impianti elettrici sono attestati su un punto di fornitura BT da 900 kW, con sistema trifase TT (400 V). Oltre alle distribuzioni radiali, ai relativi quadri e sottoquadri di area, a tutti i dispositivi di prelievo e comando/ accensione dell’energia elettrica e dell’illuminazione, l’impresa Pederzani Impianti ha realizzato diverse tipologie di impianti speciali per:

  • progetto degli impianti elettrici
    Credit: Leonardo Palumbo, Studio Creative Cottage

    comunicazione (telefonica/dati, TV/satellitare, diffusione sonora);

  • sicurezza (illuminazione, rivelazione e segnalazione automatica degli incendi, azionamenti e diffusione sonora antincendio);
  • riserva e continuità (gruppo elettrogeno per carichi preferenziali, UPS per carichi critici);
  • automazione e integrazione (BMS);
  • sistema informativo a supporto delle decisioni, per la gestione operativa dell’edificio, controllo dello stato di interruttori e allarmi;
  • domotica alberghiera.

La domotica per la gestione dell’ospitalità

Quest’ultimo è il sistema integrato per la gestione dell’ospitalità e si occupa di:

  • funzioni alberghiere (abilitazione dalla reception dei servizi nelle camere, apertura delle serrature delle porte nelle camere con card transponder, segnalazione della presenza degli ospiti nelle camere, controllo dell’attività del personale di servizio), con possibilità di gestione personalizzata delle aree comuni e di altri impianti specifici;
  • interfacciamento con l’impianto di climatizzazione, concepito per sospendere il funzionamento dei terminali locali all’apertura delle finestre della camera;
  • sicurezza (tiranti SOS nei bagni, interfacciamento con la centrale di rilevazione incendi, rilevazione di perdita del gas R410A dai terminali a espansione diretta posti nelle camere degli ospiti);
  • registrazione storica degli eventi principali;
  • interfacciamento con il sistema di contabilità alberghiera.
progetto degli impianti elettrici
Una delle family room situate all’ultimo piano: tutti gli impianti elettrici, speciali e di climatizzazione sono integrati al BMS dell’edificio e al sistema di gestione alberghiera – Credit: Roberto Pastrovicchio

Sistemi integrati

Le varie tecnologie in campo sono fortemente integrate fra loro. Il sistema di gestione degli impianti elettrico, di illuminazione e di climatizzazione, ad esempio, dialoga con il sistema di gestione alberghiero. In pratica le procedure per l’attivazione e il funzionamento degli impianti nelle camere si attivano automaticamente, a seconda dello stato d’uso e delle prenotazioni.

illuminazione di emergenza
Credit: Leonardo Palumbo, Studio Creative Cottage

Anche la gestione delle aree comuni è fortemente integrata. È il caso, ad esempio, dell’illuminazione d’emergenza e della rilevazione fumi, entrambi molto curati anche dal punto di vista dell’inserimento dei dispositivi negli spazi di valore storico-architettonico, in modo compatibile e mininvasivo. In collaborazione con un antiquario, i tecnici dell’impresa Pederzani Impianti hanno inoltre revisionato tutti i corpi lampada originari, risalenti agli anni ‘30, sostituendo i componenti interni di alimentazione, in modo da conseguire la certificazione secondo le norme CEI.

Oltre al collaudo finale, tutti gli impianti installati sono stati sottoposti a un accurato commissioning da parte dei tecnici della catena alberghiera, che ne hanno verificato la piena funzionalità e il grado di sicurezza secondo standard molto rigorosi, specie per quanto riguarda i tempi di reazione in caso di emergenza. Box

Comfort elettrico

Anche gli impianti di climatizzazione sono alimentati dall’elettricità: si tratta di un articolato sistema a espansione diretta, basato su motocondensanti installate sulla copertura, collegate a ventilconvettori a cassetta da 1 o da 4 vie (da incasso a soffitto, a pavimento o in appositi alloggiamenti interni agli arredi fissi), oppure a unità split. Nei locali che necessitano di un contributo termico integrativo durante l’inverno, sono stati posati a pavimento o a parete cavi scaldanti in fibra di carbonio dallo spessore ridottissimo (circa 3 mm), ancorati a una rete in fibra di vetro, per la posa sottomassetto e sottopavimento. Grazie alla contenuta inerzia termica, questo impianto restituisce potenze nell’ordine di 80÷140 W/m2 e raggiunge rapidamente la temperatura operativa, a vantaggio del comfort degli ospiti.

L'ESPERIENZA DELL'AZIENDA
Alexio Natali, Pederzani Impianti Srl

«Abbiamo operato in subappaltato per il general contractor Carron Cav. Angelo. Non si è trattato di una commessa facile: le caratteristiche dell’edificio hanno imposto continue verifiche e modifiche in corso d’opera rispetto al progetto costruttivo, per risolvere le problematiche che emergevano giorno per giorno, di concerto con la Direzione dei lavori e la Sovrintentenza. Le principali difficoltà operative sono state causate dai vincoli sui manufatti edili e sugli arredi fissi esistenti, specie negli ambienti di pregio storico, e sono state risolte mettendo a sistema l’esperienza sul campo con le tecnologie wireless più evolute, che ci hanno permesso di raggiungere tutte le aree dell’hotel con il segnale indispensabile per il funzionamento di molte tipologie impiantistiche. Complessivamente siamo stati impegnati in modo continuativo per circa 22 mesi, con una media giornaliera di circa 40 operatori equamente ripartiti fra le installazioni termomeccaniche ed elettriche. Siamo molto soddisfatti del lavoro effettuato: gli impianti installati – specie quelli dedicati alla sicurezza – hanno funzionato perfettamente durante il recente, piccolo incendio, risoltosi senza danni significativi a persone e cose».

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.