Palazzoli illumina gli antichi affreschi del Salone Pietro da Cemmo

Il Salone da Cemmo (BS) illuminato da Palazzoli.

La cultura si sedimenta e diviene storia, ma anche l’illuminazione nei secoli ha fatto i suoi bei passi avanti. Ed è nata un’inedita comunità di intenti fra il quattrocentesco Salone Pietro da Cemmo, che fa parte del conservatorio Marenzio, e la Palazzoli, più che centenaria azienda cittadina dell’elettrotecnica.

Nel quadro delle sue attività di sostegno culturale, la Palazzoli ha contribuito ad attrezzare il Salone con un completo impianto di illuminazione di avanguardia. Soprattutto un impianto mobile, modulare, non invasivo perché ovviamente sono intoccabili le strutture, affrescate negli ultimi anni del 1400 da Giovanni Pietro da Cemmo e dalla sua bottega. Le opere sono così valorizzate da una luce più diffusa e più calda.

Palazzoli ha fornito i 20 proiettori Tigua da 188 watt e 22.900 lm, particolarmente adatti agli spazi che chiedono il controllo della luce, la sua uniformità e l’assenza di abbagliamento.

Leggi anche: Apparecchi illuminanti a LED, TIGUA

«Siamo particolarmente orgogliosi di questo contributo alle istituzioni culturali della città –  dichiara Luigi Moretti, presidente della Palazzoli. D’altronde abbiamo alle spalle 120 anni di ricerca e di innovazione, per rendere più gradevoli le condizioni della vita. Nelle case, nelle fabbriche, sulle strade e anche nei luoghi della cultura».

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Professione*

Provincia*

Telefono

Oggetto

Messaggio*

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here