Anno record per il mercato della distribuzione di semiconduttori

semiconduttori ANIE Componenti Elettronici ha diffuso i dati del DMASS – European Semiconductor Distribution Market che riporta un’enorme crescita, del 31,8%, nei semiconduttori nel terzo trimestre, e del +44,7% nei componenti di interconnessione, passivi ed elettromeccanici. Lo shortage rimane comunque il problema più grande per l’intera industria.

Il mercato europeo della distribuzione di componenti sta registrando un anno record. La lenta partenza nel 2021 è stata completamente sostituita da un rally a doppia cifra sia nei semiconduttori, che nei componenti IP&E (Interconnect, Passive and Electromechanical). I ricavi della distribuzione dei semiconduttori nel terzo trimestre, come riportato dai membri di DMASS, sono cresciuti del 31,8% a 2,46 miliardi di euro, le vendite della distribuzione IP&E del 44,7% a 1,13 miliardi di euro. Nel complesso DMASS registra una crescita tendenziale del 35,6% a 3,6 miliardi di euro.

Mercato della distribuzione di semiconduttori: il commento di Herman Reiter, presidente DMASS

Herman Reiter, nuovo presidente di DMASS così commenta: «La carenza di componenti su tutta la linea definisce ancora l’attuale situazione del mercato. Anche se al momento sembriamo godere di una crescita sana, tutti i partecipanti al mercato sono sotto pressione nella ricerca di soluzioni e per evitare ulteriori interruzioni. Quando la situazione cambierà non è chiaro, ma speriamo che il 2022 porti un po’ di sollievo. È evidente che lo shortage lascia il suo impatto sulle prospettive economiche complessive delle industrie europee».

Semiconduttori

Il differenziale dei tassi di crescita nella distribuzione dei semiconduttori nel terzo trimestre è stato compreso tra -29% e 112% (entrambi valori non rappresentativi del mercato ma più di cambiamenti strutturali). Tuttavia, anche i principali paesi e regioni hanno mostrato una certa deviazione: la Germania è cresciuta del 25% a 672 milioni di euro, l’Europa orientale del 28,7% a 430 milioni di euro, l’Italia del 54% a 219 milioni di euro, i paesi nordici del 44,8% a 203 milioni di euro Euro, il Regno Unito del 40% a 167 milioni di euro e la Francia del 36,4% a 152 milioni di euro.

A livello di prodotto, Analog e MOS Micro (principali gruppi di prodotto), hanno seguito la crescita complessiva del mercato, mentre Discreti, Potenza, Sensori, Opto e Memorie sono cresciuti (molto al di sopra della media). I prodotti analogici sono cresciuti del 24,4% a 689 milioni di euro, MOS Micro del 25,8% a 484 milioni di euro, Power del 38% a 291 milioni di euro, Memorie del 54,4% a 241 milioni di euro, Opto del 34,6% a 237 milioni di euro, Discreti di 57,4% a 149 milioni di euro, logica programmabile del 35,1% a 145 milioni di euro e altre logiche “solo” dell’11,7% a 122 milioni di euro. I sensori a semiconduttore sono cresciuti del 39,6% a 72 milioni di euro e la logica standard del 35,8% a 34 milioni di euro.

Componenti di interconnessione, passivi ed elettromeccanici

DMASS riporta per la prima volta i dati ufficiali sul mercato della distribuzione dei componenti Interconnect, Passivi ed Elettromeccanici. Le vendite sono cresciute nel 3° trimestre/AC21 del 44,7% a 1,13 miliardi di euro. La suddivisione regionale è paragonabile al mercato dei semiconduttori, con la Germania e l’Europa dell’Est come i maggiori mercati regionali, seguiti da Italia, Regno Unito, Francia e Paesi nordici.

A livello di prodotto, i prodotti passivi (539 milioni di euro) ed elettromeccanici (530 milioni di euro) sono cresciuti a un ritmo comparabile rispettivamente del 45% e del 46% e rappresentano dimensioni di mercato simili. Gli alimentatori (circa il 6% del mercato IPE) sono cresciuti del 35% a 65 milioni di euro.

Il presidente Hermann Reiter conclude: «È sorprendente come in tempi di scarsità, molte aree di prodotto mostrino tassi di crescita elevati simili, mentre in tempi normali lo spread è piuttosto ampio. È anche raro vedere i prodotti IPE superare in misura tale il dato dei semiconduttori. Per il 2021, siamo ottimisti di avvicinarci o superare la soglia del 20% per la crescita anno su anno di tutte le componenti. Il 2022 potrebbe raccontare una storia diversa. Ci auguriamo che entro la metà del 2022 vedremo un certo sollievo dal lato dell’offerta e della catena di approvvigionamento. A lungo termine, per la prima volta dagli anni ’80, il nostro settore vede enormi segni di flessione geopolitica, in cui la disponibilità e l’accesso alla tecnologia possono guidare lo sviluppo piuttosto che l’effettiva domanda del mercato finale».

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Professione*

Città*

Provincia*

Telefono

Oggetto

Messaggio*

Ho letto e compreso l'informativa sulla privacy e sono stato informato sul trattamento dei dati da parte di Tecniche Nuove Spa e delle aziende del Gruppo Tecniche Nuove Spa per l’invio di contenuti editoriali, e-book, white paper, guide e monografie, inviti a eventi e convegni professionali di interesse.*
Desidero ricevere la newsletter di Elettro, ho letto e compreso l'informativa sulla privacy del Gruppo Tecniche Nuove Spa e acconsento al trattamento dei miei dati per questa finalità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here