Lovato Electric contribuisce al progetto del Museo Caffi di Bergamo

Al Museo Caffi di Bergamo una nuova sezione dedicata alla didattica delle scienze.

Qualche centinaio di anni fa, nelle scuole si insegnava la scienza con l’utilizzo di sfere armillari la teoria geocentrica (quella che pone la terra al centro dell’universo) e contemporaneamente quella eliocentrica (che invece pone il sole al centro) perché era giusto dare riscontro di entrambe, mantenendosi però equidistanti, in attesa che la scienza fosse in grado di provare quale di queste fosse quella valida. Queste sfere armillari, di grandissimo valore storico e questo approccio didattico, sbarcano al Museo di Scienze Naturali Enrico Caffi di Bergamo, in una nuova sezione dal titolo “Stupire, incuriosire, spiegare”.

Oltre cento strumenti scientifici in mostra, un modo di fare didattica della scienza che ha consentito a Bergamo di influire in modo importante sulla divulgazione scientifica del nostro Paese, grazie a personalità come Lorenzo Mascheroni, Giovanni Maironi da Ponte, Giovanni Albrici: tutto questo patrimonio, risalente al XVIII e XIX secolo, irrompe nel Museo di Scienze Naturali di piazza Cittadella, dopo anni di magazzino e di restauri.

Fucili ad aria compressa che si caricano a manovella, banditi al tempo perché silenziosi e quindi disonorevoli, un esemplare di pila gemello di quello che Alessandro Volta presentò a Napoleone nei primi del ‘800; strumenti per comprendere e insegnare il moto dei pianeti, tra i quali mancano ancora Urano e Nettuno, che non erano ancora stati scoperti, e tanto altro ancora.

Un percorso di grande fascino e interesse culturale e scientifico, parte della collezione di strumenti del Liceo Sarpi di Bergamo e acquisita dal Museo Caffi negli anni ’70.

Lovato Electric ha contribuito al restauro, all’allestimento e alla realizzazione di questo progetto, unico in Italia per bellezza e completezza, l’Azienda bergamasca ha dimostrato grande sensibilità sul tema, affine alla sua mission soprattutto grazie alla presenza di numerosi strumenti sull’elettrostatica e l’elettromagnetismo.

“La nostra azienda – afferma Massimiliano Cacciavillani, Amministratore delegato di Lovato Electric S.p.A.è molto orgogliosa di aver contribuito alla realizzazione di questo progetto perché rappresenta un’occasione di diffusione del sapere scientifico sul nostro territorio così ricco di realtà imprenditoriali che, proprio dalla scienza, hanno tratto la loro ispirazione. Mi auguro che questa esposizione sia uno stimolo per i giovani che, visitandola, ne rimarranno certamente affascinati. L’intento di ricordare che la scienza attuale non nasce dal nulla, ma si fonda su solide radici”.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.