Colonnine ricarica auto elettriche, quali differenziali utilizzare?

«Mi hanno chiesto di installare una colonnina di ricarica per auto elettriche nel parcheggio di un supermercato. È necessario installare un differenziale di tipo B (che costa tantissimo di più)?»

Domanda interessante la cui risposta sta sia nella Norma CEI 64-8 sia tra le leggi dell’elettrotecnica. Se la protezione contro i contatti indiretti delle stazioni di carica dei veicoli elettrici è affidata a un interruttore differenziale deve essere previsto un dispositivo per punto di carica almeno di Tipo A se si tratta di un circuito monofase, viceversa di tipo B, se si tratta di un circuito trifase.

È infatti noto che le protezioni differenziali di tipo A non sono sensibili alle correnti differenziali prodotte da tensioni generate da raddrizzatori polifase. Comprensibilmente il tipo AC non è mai ammesso. Un’alternativa è la separazione elettrica prevedendo un trasformatore per punto di connessione.

Elettrodubbio
Hai un quesito legato ad aspetti tecnici o normativi?
Scrivi a:
elettro@tecnichenuove.com

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.