Comelit: servizio cloud per il riconoscimento facciale

riconoscimento faccialeComelit propone la nuova funzionalità di riconoscimento facciale che consente di controllare gli accessi, tramite la videocitofonia, con un solo sguardo.

Aprire cancelli, portoni o porte con un semplice sguardo è possibile, grazie alla nuova funzionalità di riconoscimento facciale disponibile per tutti gli impianti realizzati con la tecnologia 2 fili Simplebus2 e dotati di videocitofono Mini Handsfree Wi-Fi (art.6741W), indipendentemente dalla tipologia di posto esterno.

Grazie a questa funzione, che utilizza il Cloud di Comelit ed è facilmente attivabile tramite la Comelit App (disponibile gratuitamente per iOS e Android), il monitor Mini, che è connesso, invia al Cloud l’immagine del volto della persona che è davanti al posto esterno. Dal confronto dell’immagine con quella di riferimento (precedentemente abilitata), se confermata l’identità il sistema apre la porta. Il monitor inoltre avvisa dell’arrivo della persona nota ed è possibile anche ricevere una notifica sul proprio telefono. Il riconoscimento facciale può essere utilizzato per l’apertura di porte e cancelli in abitazioni, uffici e aree trafficate, compatibilmente con le esigenze di sicurezza del luogo.

Come abilitare un utente

Con pochi semplici passi, dal menu “Riconoscimento facciale” della Comelit App è necessario abilitare la funzione. Successivamente, quando qualcuno chiamerà dal posto esterno, giungerà una notifica sullo smartphone con l’avviso che un nuovo viso è stato rilevato. Dopo aver cliccato sulla notifica si aprirà una schermata all’interno della app contenente la miniatura del viso della persona rilevata. Per abilitarla, basterà fare uno swipe verso destra; si aprirà una nuova finestra dove sarà possibile dare un nome al viso rilevato e confermarne l’aggiunta. Si possono impostare anche la funzione di apertura automatica del cancello, l’accensione delle luci del vialetto e altro ancora.

Tutti gli smartphone collegati al videocitofono ricevono sempre una notifica che avvisa della chiamata in arrivo. Il viso di qualsiasi persona che suona il campanello viene salvato, fi no a un massimo di 10, nel menu “Riconoscimento facciale” è possibile abilitare o eliminare questi volti anche in un secondo momento. A ogni chiamata successiva, a seguito del confronto tra l’immagine dal vivo del chiamante e quella di riferimento archiviata dal Cloud, il sistema conferma l’identità e ne autorizza l’accesso. Contemporaneamente, il monitor del posto interno suona e sugli smartphone abilitati arriva una notifica.

Configurazione passo-passo

I consigli per l'installatore
GIANLUCA FILISETTI, Product Manager videocitofonia.

«La funzione del riconoscimento facciale è l’ultimissima novità per i monitor connessi messa a punto da Comelit. Una funzione che Comelit fornisce gratuitamente e in tutti i monitor Wi-Fi con tecnologia Simplebus2. L’utente può decidere se abilitare o meno questa funzione. Inoltre, attraverso il monitor connesso, possiamo sfruttare anche altre potenzialità del Cloud Comelit: il Cloud, infatti, permette di ricevere gratuitamente gli aggiornamenti software dei dispositivi connessi e delle nuove funzioni. È disponibile inoltre il kit videocitofonico art. 8451V con monitor connesso (semplicissimo da installare in quanto pre-confi gurato) che fornisce all’utente, una volta scaricata gratuitamente la Comelit App, di rispondere dal proprio smartphone alle chiamate del posto esterno ovunque ci si trovi e di usufruire dell’innovativa funzionalità del riconoscimento facciale!»

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.