Sistema a Led, la strada si accende quando passano le auto

263

Illuminare una strada solo al passaggio delle auto, accendere e spegnere da lontano le luci di casa, realizzare percorsi luminosi per segnalare le vie di fuga negli edifici pubblici. Sono solo alcune delle applicazioni di EasyLux, progetto innovativo della società italiana WebSin. Ecologia, sostenibilità, economicità: sono le parole chiave di EasyLux, una tecnologia di illuminazione senza fili che sfrutta la rete per comunicare con l’utilizzatore. Tramite un sistema di dispositivi interconnessi (la lampada a luce LED, il sensore di luminosità, il sensore di presenza e l’interruttore con display sensibile al tocco), collegati tra loro attraverso la rete WiFi, è possibile gestire in modo intelligente, economico ed ecologico qualsiasi sistema di illuminazione pubblico o privato. “L’idea di EasyLux” ci racconta Umberto Allievi responsabile del progetto, “è frutto di una profonda riflessione su come la tecnologia possa immergersi nel quotidiano per migliorarlo e per tutelare l’ambiente. Questo progetto è potuto venire alla luce grazie alla determinazione di Norberto Fumagalli, titolare di Websin e mio ex collega di università, di sfruttare le competenze (informatiche) maturate in Websin attraverso anni di progetti IT”. Il progetto ha partecipato con successo al “Bando Fare Impresa Digitale” indetto dalla Camera di Commercio di Milano, patrocinato da Unioncamere Lombardia, Agenda Digitale Lombarda, Regione Lombardia e Comune di Milano e si è classificato tra le prime dieci idee, permettendo di prendere parte alla conferenza di presentazione dei 10 migliori classificati, che ha avuto luogo lo scorso 19 marzo nella prestigiosa sede della Camera di Commercio di Milano a Palazzo dei Giureconsulti. WebSin è ora alla ricerca di finanziatori per dare il via alla fase produttiva di EasyLux. Il progetto EasyLux rientra nel segmento di mercato dei dispositivi connessi – il cosiddetto Internet of Things, IoT. Secondo la prestigiosa società americana Cisco, soltanto lo 0,6 % degli oggetti che un giorno potranno diventare parte di quello che chiama “Internet of Everything” sono attualmente connessi alla rete. Le opportunità di business in questo settore sono valutate intorno ai 14.4 trilioni di dollari per i prossimi 10 anni. Informazioni: www.easylux.it.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here