COME SI FA L'IMPIANTO - ILLUMINOTECNICA

Negozio di moda, soluzione a incasso

783

di Maria Genoni

Siamo in Corso Venezia a Milano, in una delle più prestigiose via della moda della capitale lombarda, per vedere il caso di SPW Company. Si tratta della ristrutturazione dello store monomarca di Stone Island – CP Company.

La prima impostazione del negozio vedeva una illuminazione molto uniforme in prevalenza con sorgenti fluorescenti lineari o compatte; il cliente desiderava una soluzione più brillante e movimentata.

Nel nuovo progetto era importante considerare il restyling degli arredi, con colori e rivestimenti prevalentemente grigi e neri, fortunatamente opachi, e un controsoffitto zeppo di impianti, con pochissimo spazio a disposizione.

Le quote degli interni non consentivano di lavorare con prodotti a plafone, le altezze erano appena sufficienti (252cm), e nonostante la soluzione ad incasso presentasse evidenti difficoltà di posizione e profondità, è risultata comunque quella più convincente.

Viste le altezze non era difficile ottenere alti livelli di illuminamento, nonostante le superfici scure, occorreva trovare una soluzione che desse suggestione e brillantezza agli abiti, naturalmente senza scolorirli. Abbiamo pensato alle sorgenti 111, sia alogene che a ioduri metallici, entrambe le versioni sono infatti dotate di filtro UV-STOP e hanno una molteplicità di potenze e fasci di cui disporre.

L’ingresso su corso Venezia, più alto, è rimasto invariato, salvo un piccolo intervento sulle vetrine, la parte espositiva a quota 252 cm è stata realizzata esclusivamente con l’alternanza dei due modelli di Adam. La CDMR è necessaria per la luce di fondo, con fasci da 45°, mentre l’alogena AR a 24° viene utilizzata per gli accenti. Sulla scala che scende verso i magazzini un taglio lineare fluorescente, il KM, sempre di Lucitalia. Il risultato è di grande impatto scenografico, funzionale per le esigenze del negozio perché riposizionabile nei puntamenti (l’anello interno dell’incasso è infatti è un cardano), con la brillantezza data dalla sorgente a ioduri metallici che rende perfettamente i colori dei tessuti, e con l’accento dell’alogena che mette in risalto le finiture e le particolarità dei prodotti.

Era necessario un sistema a incasso adatto alla nuova impostazione

La prima impostazione del negozio vedeva una illuminazione molto uniforme in prevalenza con sorgenti fluorescenti lineari o compatte; il cliente desiderava una soluzione più brillante e movimentata.

Era necessario trovare un incasso elegante, multi-sorgente, compatibile con gli spazi a disposizione nel cartongesso. Tra le varie proposte è stata selezionata Lucitalia, con l’incasso Adam. Questo incasso ha due particolarità: la cornice a scomparsa nel cartongesso, e la possibilità di essere installato a quote differenti dal filo del cartongesso a scendere, con 5 scatti preimpostati per ognuno dei due modelli, quindi 10 possibilità di discesa. A disposizione ci sono diverse sorgenti, dal led alla fluorescenza, fino alle 111 utilizzate nel progetto, e naturalmente moltissime finiture.

Che cosa:  Progetto illuminotecnico di ristrutturazione retail

Dove:  Store monomarca di Stone Island (MI)

Progettazione:  Vincenzo Radaelli – Studio Associato Progettazione Impianti, Inzago (MI)

Distributore:  Officine della Luce – Gruppo Fogliani, Gallarate (VA)

LEGENDA:

L 3 Applique con sorgente orientabile 2xAR111 Lucitalia Kriter

L 4 Sistema lineare fluorescente bilampada con offset 6xT16 Lucitalia Km

L 7 Proiettore per binario Lucitalia Krisma G12

L 8 Incasso a discesa per sorgente alogena orientabile 1xAR111 Lucitalia Adamdue

L 9 incasso a discesa per sorgente a ioduri metallici orientabile 1xCDMR111 Lucitalia Adamdue

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.