a cura di Claudio Manfredini (Albiqual)

L’identificazione dei cavi del collettore di terra

2351

Gli impianti di terra realizzati secondo le normative in vigore (CEI 64-8, CEI 11-1, CEI 81-10, guida CEI 64-12, ECC.) presentano il nodo o collettore di terra. Nei casi più semplici è costituito da un semplice morsetto, mentre negli impianti complessi in genere si utilizza una sbarra di rame o di acciaio a cui sono collegati tutti i cavi dell’impianto.Spesso i cavi in questione vengono chiamati genericamente “cavi di terra”. In realtà ogni cavo attestato al collettore ha un nome e una funzione ben precisa. A titolo d’esempio vengono riportate nella tabella in questa pagina alcune delle principali funzioni che possono avere i cavi. La corretta identific

GIUSTO In questo caso la funzione di ogni conduttore è chiara e la lettura immediata

azione di tutti questi cavi è estremamente importante per gli interventi di manutenzione e per le eventuali modifiche o ampliamenti dell’impianto elettrico. La guida CEI 64-12 specifica: “sarebbe opportuno che i conduttori siano identificati mediante targhette con idonea segnalazione”.

Cavi attestati al collettore: le funzioni principali

1      Cavo che collega il dispersore, chiamato “conduttore di terra” (CT)

2      Cavo che collega quadri e masse, chiamato “conduttore di protezione” (PE)

3      Cavo che collega le masse estranee, chiamato “conduttore equipotenziale principale” (EQP)

4      Cavo che connette il centro stella dei trasformatori o dei generatori (Y)

5      Cavo di interconnessione con altri collettori o con la cabina del distributore dell’energia elettrica

6      Cavo degli scaricatori e dei limitatori di tensione

7      Il conduttore di terra funzionale

ERRORE È impossibile identificare con certezza i cavi collegati e si rende necessario un rilievo in campo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.