Lavorare nell’ict, l’occupazione è stabile, ma gli stipendi aumentano

257

lavoro ictIn un contesto di crisi, le 122.000 imprese dell’information & communication technology faticano ma resistono. I dati parlano di 539.00 addetti tra regolari e atipici, con un saldo 2013 fra assunzioni e uscite stabile e retribuzioni in leggero aumento, impiegati +2,7%, quadri +3,1%, unica eccezione i dirigenti con flessione del -0,2%. Questi i dati dell’Osservatorio delle competenze digitali 2014, realizzato da Agid insieme ad Assinform, Assintel e Assinter, unite in una nuova ”alleanza dell’Ict”. L’indagine dice anche che le riforme dell’ex ministro Fornero sono state “ininfluenti”, almeno per 58,5% delle aziende campione; o negative, in quanto ha portato a un aumento dei costi. È inoltre fallito l’obiettivo di stabilizzare le forme contrattuali flessibili.

È in lieve crescita l’utilizzo della retribuzione variabile, che viene utilizzata con i dirigenti nel 66,4% dei casi e con i quadri nel 52,6% dei quadri. Le aziende prevedono inoltre pacchetti benefit oltre a quanto previsto da contratto, in particolare per manager (70,8%) e professional (61,3%), legati soprattutto al fattore “mobilità” (portatili, smartphone, tablet, auto aziendale). Purtroppo, la formazione è in calo per problemi di budget. È utilizzata come leva per trattenere i neo assunti nel 25,5% dei casi.

Lo scollamento fra le esigenze aziendali e le competenze sviluppate nel percorso di studi è la prima difficoltà di reclutamento di nuovi assunti per la metà delle aziende Ict. La mancanza sul mercato di professionalità specifiche è al primo posto per manager (55,7%) e professional (64,2%). I tre ruoli strategici più richiesti sono account manager (55,7%), project manager (50%), Ict consultant (34%). Ed ecco i tre più difficili da reperire: account manager (35,8%), software developer (22,6%), business analyst (21,7%). Difficili da trovare sul mercato anche i mobile application developer per gli hardware vendor (60%) e gli Ict security manager per le aziende di digital solutions (44,4%).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here