Ascensori, quale è il compito dell'installatore?

251

???????????????????????????????????????????Quando in un edificio sono presenti uno o più ascensori nasce, da parte dell’impiantista elettrico, la necessità di doverli alimentare in maniera corretta. La continuità di servizio assume una particolare importanza perché la mancata alimentazione del macchinario ascensore comporta spesso il suo blocco (alcuni ascensori hanno un sistema che in mancanza di tensione porta i passeggeri al piano terra) con immaginabile disagio dei malcapitati che si trovano all’interno della cabina in quel momento; per questa ragione è opportuno proteggere la linea FM dell’ascensore con un differenziale non ad alta sensibilità ad esempio con Id=0,3 A. Tale dispositivo è più che sufficiente per ottenere la necessaria protezione dai contatti indiretti quando la resistenza di terra è inferiore ai 100 W (valore facilmente ottenibile, la tensione massima sulle masse in questo caso risulta di 100×0,3= 30V).

Se è presente il locale macchinario

Quando è presente un locale macchinario si possono adottare in alternativa uno dei due schemi illustrati, lo schema A è necessario quando il quadro locale macchinario non è in materiale isolante, in questo caso è necessaria la protezione differenziale nel quadro a monte (dettaglio 1), inoltre nasce il problema della selettività tra due differenziali (dettaglio 2). Se si opta per un quadro locale macchinario in materiale isolante, e se si realizzano le linee in modo protetto (dettaglio 3) non sono necessari i differenziali nel quadro a monte.

Ascensori senza locale macchinario

Nel caso di piccoli ascensori moderni che non hanno il locale macchinario le cose si semplificano notevolmente basta portare una linea FM protetta con id=0,3 A e una linea illuminazione cabina protetta con id=0,03 A fino al quadro ascensore che si trova solitamente nei pressi di uno sbarco al piano.

Altra questione dibattuta è fin dove arriva la competenza dell’installatore elettrico e dove comincia quella dell’ascensorista. La risposta è la seguente: sono a carico dell’installatore elettrico tutti gli impianti fino ai morsetti di ingresso del quadro ascensore, ivi compresi: impianto di illuminazione e forza motrice del locale macchinario e l’illuminazione del vano corsa dell’ascensore, se presenti. (ing Daniele Vetrucci).

v “Elettro” n 5, maggio 2014, pag 6

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here